Intervista a Fabio Ferrari (Chicco Lazzaretti)

Amici del Fan Club dei Ragazzi della 3 C ci troviamo con li nostro mito unico: Chicco Lazzaretti, Fabio Ferrari nella vita reale, oramai tutti ti chiamano Chicco in giro...

Fabio Ferrari ci concede questa meravigliosa intervista

Sì, per tutti sono Chicco.

La cosa ti fa piacere?

Beh sì mi fa piacere, m'ha fatto molto piacere ma diciamo che con gli anni mi farebbe molto piacere fare un altro personaggio che abbia quel successo...cambiare nome anche!

E che effetto ti fa rivederti oggi nelle nottate di Italia1 e su Happy Channel?

Guarda, mi fa molto ridere perché poi certe puntate non me le ricordo neanche più, ne ho vista solo recentemente qualcuna. Ne ho fatto vedere una a mia figlia, ne ho registrata una perché lei si incuriosiva del fatto che per strada tutti i giorni la gente se esce con 'sto: "Chicco, Chicco, Chicco...". E lei mi ha chiesto: "Ma chi è 'sto Chicco?"...è divertente...ne ho vista una che mi ha fatto molto ridere.

Ma che ricordo hai del periodo in cui hai impersonato il mitico Chicco?

Molto piacevole.

Cioè: gli anni '80 come li hai vissuti?

Beh la Terza C era la prima cosa importante che facevo.

Non avevi già fatto "Vacanze In America"?

Sì, però quello era un piccolo ruolo in un film di successo. Peraltro quel ruolo mi ha dato la possibilità di essere notato e grazie a quel ruolo poi ho fatto Chicco. Perché Carlo Vanzina mi ha chiamato per quel ruolo in quel film e poi mi ha richiamato per fare Chicco.

Fu Carlo e non Enrico?

Enrico, sì! Insomma Enrico e Carlo tutt'e due, perché poi loro lavoravano assieme. Devo dire che Enrico credo sia stato quello che mi ha voluto più fortemente, perché so che Neri Parenti (il regista della puntata zero) non mi voleva. Voleva cambiarmi.

Tu l'hai girata la puntata zero girata da Parenti?

Sì, l'ho girata. A Neri non piacevo: diceva che non ero comico e diceva di avere bisogno di uno più comico; invece so che Enrico mi ha difeso e mi ha voluto fortemente e ha fatto bene.

Oggi possiamo dire che Neri Parenti si sbagliava!!

Possiamo dirlo, sì.

Fabio Ferrari a casa sua

Sei stupito nell’aver trovato il nostro fan club on-line?

Beh un po' sì perché sono passati tanti anni. Non più di tanto perché appunto, vedendo che tutti i giorni mi fermano per strada e mi riconoscono come Chicco...un po' mi sono stupito però non più di tanto. E' una serie che va bene e quando la fanno a qualsiasi ora la trasmettano viene vista e alla gente piace...perché è una cosa senza impegni. Senza pretese: non aveva l'intento di tracciare uno spaccato reale della società, ma ne uscì fuori qualcosa di veritiero e che piace non soltanto ai ragazzini ma anche alle mamme, ai papà, agli anziani, perché lo si è visto negli anni. Il target non era un target di ragazzini, ma era molto più ampio...

Beh oggi siamo tra i 16 e i 24/26 anni, ma anche quelli più grandi...

Eh sì, perché i più grandi lo hanno visto all'epoca!

A proposito di Internet: che rapporto hai con le nuove tecnologie e più specificamente con la rete delle reti?

Mi devono consegnare un computer esattamente sabato quindi dalla settimana prossima saremo presenti nel mondo moderno.

Pensi che lo userai anche per lavoro?

Mah, forse sì!

Il ricordo degli anni 80 che ti è rimasto qual è? Come li hai vissuti?

Mi sono molto divertito: avevo 20 anni e di quando si ha 20 anni è facile che se ne abbia un buon ricordo. E se non ne hai uno buono ne hai uno molto brutto: è difficile averne un ricordo vago.

In molti sanno che il tuo amore è da sempre la Lazio…come ti sei ritrovato nei panni di Chicco, tifoso romanista che rinuncia addirittura a una montagna di soldi per non rinvangare lo scontro Roma - Liverpool?

Eh..lì...è come De Niro: si vede il grande attore! No: in realtà mi dava molto fastidio all'epoca dover fare il romanista. Però non era la prima volta perché l'avevo già fatto in "Vacanze In America" e anche in un altro paio di filmetti mi è capitato di fare quello che è tifoso della Roma. Evidentemente c'ho la faccia da romanista!

La rivincita però ve la siete ripresa no? Dall'83 la Roma non ha più preso uno scudetto se non l'anno passato.

La rivincita ce la siamo presa però questi ultimi due anni sono stati pesanti...

Tu quindi cosa speri per domenica?

Io spero che domenica o la Juventus o l'Inter vincano lo scudetto...per chiedere 'sto ciclo della Roma

Fabio Ferrari con il Presidente del Fan Club 3a C

Ricordiamo, per chi vedrà questa intervista in futuro, che siamo a fine campionato e che si sta per disputare l'ultima gara in cui Inter, Roma e Juventus si giocano lo scudetto all'ultimo e la gara della Lazio prevede un confronto diretto con l'Inter, la favorita (che ahimè non ha vinto!)

Io non dico che vinca l'Inter, ma spero che la Lazio vada a fare le coppe...però io farei un goal all'Inter solo dopo essere sicuro che la Juventus sta vincendo 3 a 0!

Ti piace giocare a calcio?

Sì.

Come ti venne affidata la parte nella serie e come venisti contattato?

Mi chiamò Enrico Vanzina e mi offrì subito il ruolo senza provini...

Proprio quello di Chicco?

Sì! Mi diedero il copione e...

A te piaceva come ruolo?

Beh, leggendo il copione mi resi conto che era il ruolo del protagonista quindi sai...fui molto contento di una offerta del genere!...poi anche l'offerta quanto a soldi non era male e tu capisci che all'epoca facevo già teatro ma i soldi che mi giravano per le mani erano pochi.

Se non avessi impersonato Chicco, tra le parti quali avresti preferito recitare?

Beh Bruno Sacchi!...una parte carina. Devo dire che è una parte originale: aveva delle cose ovviamente diverse da me però è un ruolo adatto...mi sarei molto divertito a fare Bruno Sacchi!

Forse ti mancava giusto qualche chilo!

Come attore devo dire che mi piace interpretare cose molte diverse da me, dal mio io...perciò impersonare uno molto timido mi piacerebbe...come mi piacerebbe interpretare il ruolo di un assassino...

Ti rispecchi molto in Chicco?...per questo dici questo?

No per niente...però più in Chicco che in Bruno Sacchi.

La famiglia Ferrari al completo: Fabio, la moglie e la piccola e simpaticissima Maria.

Avresti scommesso sul successo della serie prima della messa in onda?

Mai!

Il momento in cui te ne sei accorto qual è stato?

Il giorno dopo: dopo la messa in onda della prima puntata. Sono uscito di casa ed ero diventato famoso, così all'improvviso! Alla fine dopo mi ero reso conto che l'avevano vista tutti!

Che rapporti intercorrevano tra te e il resto della classe (del cast, scusa) ?…si sentiva l’atmosfera da Terza C?

Ottimo. Il primo anno ci siamo divertiti tutti come matti.Tra di noi c'era già qualcuno che aveva lavorato parecchio come Renato che era una star....però era molto divertente, ci si divertiva a girare e anche quando non si girava. Lavoravamo tanto...tantissimo: 10 ore al giorno. Era molto faticoso però avevamo 20 anni...io ero già un po' sopra la media però insomma...

Quanto durarono le riprese delle tre serie?

Tre anni...30 settimane per serie.

Sei rimasto in contatto con qualcuno di loro fino ad oggi?

Sono rimasto in contatto con Fabrizio...ogni tanto ci sentiamo. Giacomo Rosselli l'ho sentito due settimane fa. Con Renato pure ogni tanto ci sentiamo. Sharon l'ho sentita fino a qualche anno fa poi ci siamo persi di vista perché io non trovavo il suo numero e lei nel frattempo deve aver cambiato casa e numero. Gli altri non li ho più visti.

Sai dirci per quale motivo ci fu un cambiamento di regia dopo la fatidica puntata zero girata da Neri Parenti, mai andata in onda?

Non lo so...non te lo so dire. L'ipotesi è che Neri Parenti doveva girare un altro film, qualcosa di Fantozzi o qualcosa del genere. Però è una ipotesi perché proprio non lo so.

Tu avevi difficoltà a girare con lui?

No, so che non mi voleva ma è una persona carina e simpaticissima.

La terza serie della Fiction prevede numerosi cambiamenti: Antonello Fassari lascia il posto a Mauro di Francesco, Nicoletta Elmi sparisce dalle scene e viene giustificata da un ipotetico viaggio di Benedetta in Corea. In più, a causa del malore di Ennio Antonelli, questo viene sostituito da Paolo Panelli. Cosa sai dirci dei primi due cambiamenti? Ci fu una rottura col resto del cast, scelte di copione…o cos’altro?

La Elmi credo non si mise d'accordo per questioni economiche; Fassari non lo so se non l'abbia voluto fare lui oppure se fu sostituito...e Allocca nella terza serie non lavorava tanto perché stavamo all'Università...

A proposito di questo molti ritengono che ci fu un errore nello scrivere la sceneggiatura perché non si è giocato di più sulla scuola.

Beh non so se fu un errore, ma senz'altro la scuola dava più possibilità. E secondo me anche più successo! Secondo me la scuola è quasi una garanzia: se hai la scuola, gli attori simpatici e una storia che sta in piedi la scuola ti permette mille possibilità: è un ambiente fisso di aggregazione nel quale è anche più facile riconoscersi. In più per il pubblico la scuola ha un altro impatti. Vedere un giovane all'università è un po' diverso: non ci si trova tra una facoltà e l'altra...non è una classe! Secondo me quello è stato un errore infatti. D'altro canto già non pensavano di fare una terza serie. Una volta finita la maturità, una volta fatta, non è che potessero tornare indietro! Anche se secondo me di queste cose uno alla fine se ne frega: facciamo degli episodi che si riferiscono all'anno prima, chi se ne importa...li facciamo lo stesso! (per essere chiari: una specie di Star Wars con i nuovi episodi che vanno a ritroso nel tempo!)

Fabio Ferrari alias Chicco Lazzaretti

 

Com’era Claudio Risi come regista?

Bravo.

Sapeva cosa voleva?

Assolutamente. Lì dovevi sapere per forza cosa volevi perché dovevamo girare quindici pagine al giorno: o sai cosa vuoi altrimenti niente! Anche perché la 3 C era girata in pellicola, quindi era proprio cinema anche se in piccolo...quindi bisognava essere bravi!

Domanda pepata: sbocciarono amori nel cast? Sai, per noi Daniele Rossella stanno ancora insieme! E si vocifera su due ipotetici amori che ti possano aver riguardato…

Guarda durante le riprese di amori veri e propri no. C'è stato, almeno per quello che mi riguarda, un innamoramento, poi ci siamo incontrati, con Sharon. Però tra una serie e l'altra stranamente è successo, non mentre lavoravamo. E' successo in una pausa tra la seconda e la terza serie...per caso ci siamo incontrati a Milano e ci siamo accorti che in realtà era nato qualcosa, che ci piacevamo. Non ci eravamo detti niente...poi abbiamo girato tutta la terza serie e stavamo insieme...

Invece tra Daniele e Rossella ovvero Giacomo Rosselli e Claudia Vegliante...?

Niente, non c'è stato niente...per voi staranno ancora insieme ma lì non c'è stato niente! Mi ricordo una volta una scena divertente in cui dovevano girare un bacio e mi pare di ricordare che Giacomo la baciò davvero. Quindi ci fu 'sto bacio pazzesco, pure lungo...poi il regista disse: "Stop!" Ci fu un attimo di silenzio, poi la Vegliante si girò e disse: "Non so se vi siete resi conto!" E lì ci fu il boato proprio...credo che Giacomo ci avesse fatto tutto quello che ci poteva fare! E questo mi ricordo che mi ha fatto ridere!...

Ci racconti un aneddoto che ti è rimasto impresso avvenuto durante le riprese? 

Guarda una cosa che mi è rimasta molto impressa è che una volta a casa di Fabrizio e c'era Bruno Sacchi che era malato. La scena doveva essere la seguente: lui stava a letto col termometro e quella che faceva sua madre, la Papetti, doveva dire: "E' ora" e levargli il termometro. Beh per girare questa scena abbiamo fatto più di 40 ciak perché lei diceva qualsiasi cosa. Perché iniziava a dire: "Che ora è?"..."Stooop! Nicolina devi dire: è ora!...poi gli togli il termometro!" Lei diceva: "Vabbè ho capito, ho capito!"...ciak successivo: "Che ore so'?" Siamo andati avanti così per più di 40 ciak. Alla fine c'era un'atmosfera irreale e tutti si dicevano: "Possibile che questa non riesce a dire: E' ora!" Il botto è stato sul 40esimo ciak: "Motore, azione..." "Devi abbozzà!" C'è stato un attimo di silenzio e poi un'esplosione (grida....) perché non si è capito come questa sia passata da "E' ora" a "Devi abbozzà!" Questo me lo ricordo perché pensavo che noi dovevamo terminare quell'episodio e io pensai: "Non finiremo mai!" Non ci si poteva credere e questo è un ricordo che non scorderò mai! Eravamo sfiniti! Quindi la Papetti...a vederla girare era da ammazzarla perché non sapevi mai che diceva...sbagliava sempre, sempre, sempre!! Un'altra volta doveva dire: "E' colpa di quegli antipatici cuscinetti di grasso!"...lei alla fine se ne uscì con quella che è stata poi una grande trovata: "antipatici cuginetti di grasso!"....però prima di arrivarci siamo passati per "quegli antipatici fijoletti de grasso!" E lì pure ci fu il boato, perché uno si può pure sbagliare a dire cuscinetti per cuginetti, come poi fu, però da qui a dire fijoletti!!! Sei malata!...alla fine in video è andato cuginetti!!!...

L’ultima puntata della terza serie ci lascia con l’affermazione di Bruno: “Forse ci saremo anche l’anno prossimo”. Cosa portò ad abbandonare una serie di tale successo?

Non so se motivi economici...oramai noi costavamo tanto quindi quello sicuramente ha influito. Ma credo vari motivi...

Inoltre noi ti abbiamo visto anche nelle tue apparizioni televisive e un anno, in una trasmissione Rai, dicesti che si sarebbe probabilmente fatta una nuova serie della Fiction. Cosa stava succedendo in quel periodo e perché il progetto non andò a buon fine?

Ci aveva contattato un produttore romano facendoci firmare un'opzione in cui ci impegnavamo a girare con lui una eventuale quarta serie e anche pagandoci per questa opzione. Per cui a quel punto una volta che uno t'ha pagato sei portato a pensare che non sia un ciarlatano come tanti. Invece ci siamo presi questi soldi molto felicemente e non l'abbiamo più sentito, né io, né Fabrizio, né Renato...

Poteva trattarsi del progetto di Drovandi: "3 C Disco Club?"

Sì, poteva essere...però non ne ho mai più sentito parlare...

In seguito ti abbiamo anche visto a Meteore insieme a Fabrizio Bracconeri. Sai dirci per quale motivo gli altri tuoi colleghi non si presentarono con voi?

So che Sharon non c'è voluta andare...Daniele e Rossella poteva avere un senso averli tutt'e due ma uno da solo...e poi c'è il fatto che io sono rimasto con la stessa faccia da cazzo...nonostante io sia invecchiato, nessuno ha esitazione: mi beccano subito. Altri non li riconosci più neanche tu da appassionato...vedi Fabrizio che è un'altra persona nel vero senso della parola!

L'hai visto con la Premiata Ditta?

Ne ho visto una puntata...tra l'altro io ho cominciato con la Premiata Ditta nell'Allegra Brigata: eravamo Roberto, Pino, Francesca, Tiziana, Fabio Camilli, io, Massimo Popolizio, attore italiano di Teatro che ora lavora con Ronconi..eravamo una decina di pazzi ed è stato il periodo in cui mi sono divertito di più in tutta la mia vita...

Tra l'altro poi dopo Pino Insegno e Roberto Ciufoli erano anche nella serie...

Sì!...aspetta Roberto che ha fatto?

Faceva lo scagnozzo di Bruno...

Ah sì!...l'avevo rimosso!

A loro li fornisti tu i contatti per la serie o fu merito di Enrico Vanzina?

Sai che non me lo ricordo?

Una domanda particolare: Com’è Guido Nicheli nella realtà?

Così come lo vedete!

Ricordi qualcosa dei suoi ciak?

Ricordo che una volta noi dovevamo fare un giornalino e lui ci doveva sponsorizzare. Doveva dire una battuta che non aveva studiato perché non studiava mai!...e non imparava mai a memoria. Allora doveva fare: "Voi fate il giornale taac...mettete i miei salumi, e io tic, ti do il danaro..." Siccome lui sbagliava sempre io per aiutarlo gli ho detto: "Ma non si potrebbe fare prima il tic e poi il tac?" Lui allora si fermava e mi diceva. "Hai sbagliato!" E noi gli dicevo: "No guarda che io ho sbagliato per dare una mano a te, per cercare di parare!" Questa è una delle cose più belle che è andata in video...come quella che avvenne quando arrivò una telefonata nella cartoleria di Giuliani. Massimo quando girava, faceva sempre 15 pagine di fila perché siccome è bravo, la produzione lo sapeva, e soprattutto costava anche tanto, allora quando arrivava gli davano delle pappardelle così e lui le faceva veloce come un treno! Un giorno durante una di queste pappardelle con Bruno, aveva quasi finito ed è squillato il telefono e lui con una scioltezza che non ti dico..."Maria rispondi tu??" E' andato in video e non fa una piega...lì ci fu l'applauso dopo lo stop del regista. Ed è poi tra l'altro la puntata che io ho rivisto recentemente di notte e non me lo ricordavo che era andato quel ciak in video e invece è stata proprio quella montata...è sicuramente un attore eccezionale!

Fabio Ferrari - I Ragazzi della 3 C Fan Club

Ora dimmi un aggettivo per ognuno dei tuoi colleghi:

Fabrizio Bracconeri:

Straripante.

Nicoletta Elmi:

Mistery.

Sharon Gusberti:

Sharon non saprei...la ricordo con affetto!

Giacomo Rosselli:

Integerrimo, onesto, bravo...un bravo attore...

Claudia Vegliante:

Meno integerrima! (scoppia a ridere!)Molto simpatica, molto carina...Claudia Vegliante è una peperina!

Francesca Ventura:

Simpaticissima.

Stefania Dadda:

Mistery 2. Non sapeva remare...mi ricordo che mi aveva impressionato questa cosa di Stefania. Eravamo a Tropea, facemmo una gita col pattino a fare il bagno e le dissi di remare...e lei mi rispose che non ne era capace. Le chiesi se avesse mai remato e mi rispose di no. Ne rimasi allibito: siamo in una penisola, ci sarà andata al mare qualche volta...dove ha vissuto??...questa cosa mi impressionò.

Renato Cestiè:

Sensibile.

Enio Drovandi:

Pazzo.

Ennio Antonelli:

Era un personaggio del cinema italiano. Ha lavorato con Fellini, con gli Americani, con tutti. Era uno veramente...

Quanto era importante secondo te nella serie un personaggio come il suo?

A rivedere la serie dopo tanti anni, i genitori di Bruno Sacchi erano una forza della natura. Come inquadravano loro ridevi, pure se non dicevano niente...io mi ricordo la segreteria telefonica: "Aho!"...cioè una cosa...e allora non me ne rendevo conto. A rivederle adesso mi fa ammazzare!...Aho!

Secondo te ci fu qualche danno alla serie quando fu sostituito da Paolo Panelli nonostante la bravura di quest'ultimo?

Credo che non ci sia neanche da paragonare i due attori perché Paolo Panelli è un attore, Ennio era quasi un non-attore...Paolo Panelli secondo me non c'entrava niente in quel ruolo...era un ottimo attore, è stato il mio padrino, amico dei miei di infanzia. Paolo Panelli e Bice Valori per me sono stati degli zii da quando io ero bambino. Quindi puoi immaginare quanto fossi contento che venisse a girare con noi. Però non c'entrava niente in quella parte specifica...lì serviva uno con la faccia di Antonelli e non un attore fine come Panelli, una persona colta, educata...lì serviva un bruto! In quel ruolo Ennio Antonelli era perfetto!

Su Massimo Giuliani vuoi aggiungere ancora qualcosa?

Sicuramente è stato il più bravo attore che ha girato nella 3 C. Quando ha fatto i Ragazzi della 3 C lui aveva non dico 20 anni di carriera, ma poco ci mancava! Massimo è uno che ha fatto davvero di tutto!

Ha fatto anche una parte con Bud Spencer (Qui ci riferivamo a Renato Cestié e ci siamo un po' impaperati!! Scuse a Massimo e scuse a Renato!!)....e per restare in tema: so che adesso stai per girare qualcosa con Terence Hill...

Sì, faccio una puntata di "Don Matteo"!

Antonello Fassari: 

E' molto simpatico. Non ci siamo più visti dall'epoca, ma è una persona carina, simpaticissima...anche se non siamo d'accordo politicamente....

Perché quali sono le tue idee politiche se te lo possiamo chiedere?

Non lo so più neanch'io. Mi sono sempre considerato come uno di sinistra ma ormai mi danno del fascio! Le mie idee attuali evidentemente non si rispecchiano più nella sinistra italiana. Devo dire che però ho rincontrato dei miei vecchi amici ai quali è successa la stessa cosa. La sinistra sta vivendo un periodo di crisi brutta e disonesta. Dai fatti di Genova ha cominciato proprio a salirmi un astio, un malcontento...per la disonestà non delle persone che vanno a manifestare...perché io sono convinto che su quelle 100.000 persone che erano lì 70.000 erano oneste e che manifestavano anche per cose giuste anche se poi non le condivido. Io sono convinto che la globalizzazione non sia sbagliata in sè: è sbagliata perché ce n'è poca. Per me il problema è che ce n'è poca: e allora chi rimane fuori, rimane sempre più fuori e per chi c'è dentro sta sempre meglio! E' questo che crea lo scompenso. Ma protestare contro la globalizzazione in toto mi sembra delirante ; lo posso capire in un sedicenne, ma non in un sessantenne a capo di un partito politico. Allora lì c'è disonestà, lì c'è l'appropriarsi di pulsioni giuste per scopi tuoi. Perché hai provato a fare l'alternativa di sinistra e non ce l'hai fatta, hai provato a scinderti  e non ce l'hai fatta; vedi che adesso c'è un grande movimento di giovani e ti butti lì?? Li butti in piazzi con qui figli di puttana che spaccano tutto? Che cosa succede??...Succede che c'è un morto, questo succede. E allora, il morto: poveraccio!...ma non fatemelo passare per martire. Perché quando io andavo in piazza e hanno ammazzato Giorgiana Masi...cioè Giorgiana Masi stava camminando con una sua amica e le hanno sparato in testa! Questo stava tirando una cosa nella camionetta dei Carabinieri. Non è la stessa cosa e tu non me la puoi far passare come la stessa cosa! E questa cosa veramente mi ha fatto indignare e non poco! Dico no, allora no...non mi sta bene: non mi state più bene! E questo ha creato una serie di cose che poi ho visto confermarsi sempre di più: perché manifestare per i poveri è una cosa giustissima,  ma far credere che lo sono per colpa nostra è una infamia. Ed è facile che la gente ci creda. I ragazzi sono giovani e non conoscono la Storia..ne sanno di meno, giustamente, è normale...e allora se quelli sono poveri non è colpa nostra. L'unica nostra colpa, per come la penso io, è che noi non facciamo abbastanza per loro. Ma 50 anni fa, solo 50 anni fa, morivamo di fare noi, noi, qui a Roma...la gente qui sotto!!...non 200 anni fa, ma 50! E non moriamo di fame grazie alla globalizzazione...quindi ce n'è troppo poca! Io quando vedo 10 McDonalds e le foto di Kabul penso: "Ma non starebbero meglio con 10 McDonalds i bambini afghani?" O quando sento parlare di lavoro minorile...benissimo, abbattiamolo il lavoro minorile...ma quando sento che i bambini e gli adolescenti che lavoravano alla Nike e che ora non ci possono più lavorare, sono costretti a prostituirsi per mangiare...allora era meglio che lavoravano alla Nike!! Ogni cosa allora va analizzata nella sua situazione..invece partire con gli slogan significa solo fare sì che Bertinotti & company prendano i voti. A me il fatto che il padre di Giuliani si presenti alle elezioni con i D.S. sta sul cazzo! Ti devi presentare perché hanno ammazzato tuo figlio? Non è un fatto di merito!

Non è bello che ci mangino sopra!

Esatto!...cavolo, un po' di rispetto!

Restando in tema attualità: come vedi gli eventi che stanno sconvolgendo il mondo dall’11 settembre?

Come li vedo?...con grande paura come credo tutti noi. Ecco...dopo gli eventi dell'11 settembre ho litigato con la maggior parte dei miei amici di sinistra! Come me...anche se forse io non lo sono più..ecco: Tony Blair secondo te è di sinistra?...Secondo me sì e io con lui mi trovo! E' una sinistra che capisco. Comunque dopo l'11 settembre: la paura!...la paura fisica perché lo faranno anche qui, lo faranno!...non è una ipotesi ragazzi, no!...E' una certezza! Siccome sono passati dei mesi noi siamo a posto...no! E' una certezza: avremo i morti qui! Questa è una cosa di non ritorno: non si torna indietro! Hanno fatto quello?...La prossima che faranno sarà di più! E di più di quella!...

Allora innanzitutto la paura fisica per me, per mia figlia...Cioè mia figlia vede la tv e dice: "Ma papà viene la guerra anche da noi?" E io non le posso più dire di no. Allora primo: paura. Secondo: "Perché succede questo? Perché quelli sono poveri? Sì anche, ma non solo! Bin Laden non è povero. Arafat non è povero!" E di nuovo mi interrogo e mi richiedo: "Ma allora? Perché succede? Perché hanno degli obiettivi. Quali sono? Politici! Forse far sparire Israele dalla faccia della Terra! Avere più ingerenza in uno stato arabo e tra virgolette democratico? Ma il primo obiettivo è la paura: bisogna difendersi!!"

E qui mi sono trovato di nuovo dall'altra parte quando ci si è indifesi? Che vuoi lasciare una cosa del genere impunita? Ma vai a uccidere anche degli innocenti?? Lo so, ma questa è la GUERRA! Tra l'altro poi non c'è un colpevole, non uno, ma una organizzazione gigantesca che ha ramificazione in Stati! E allora bisogna difendersi...capisco i tuoi problemi però non mi pestare i piedi perché altrimenti sparo pure io!

Dopo gli eventi del grattacielo Pirelli la paura è tornata?

Beh certo...è tornata a tutti!...La stessa scena...low budget! Italiano...Cinema Italiano...Cinema Americano!...poi lì si è invece visto che...però io non ho paura di quello! Io ho paura dell'acquedotto inquinato, delle cose chimiche, delle battaglie batteriologiche. Siccome si è visto che questa gente non solo non si frena, ma...

Cioè noi bombardiamo delle case e tra queste ci possono essere delle vittime civili, ma per loro i civili sono l'obiettivo! E allora se è il loro obiettivo: Aiuto! Siamo tutti obiettivi. E quindi allerta ecco!

Tornando alle cose allegre: ci dai un aggettivo su Antonio Allocca?

Guarda con Antonio Allocca avevamo un problema: era talmente buffo certe volte che ci mettevamo a ridere anche noi e lui si inkazzava tantissimo! E allora c'era questo problema specie con Renato!...Non ci potevamo guardare negli occhi perché ci veniva proprio da sbottargli a ridere in faccia proprio e lui si arrabbiava molto! Perché aveva ragione: è un attore napoletano, molto professionale, molto bravo e quindi sai: noi che gli ridevamo in faccia non facevamo una bella figura! Lui poi doveva recitare, lavorare...quindi per noi era un problema perché lui alle volte era talmente buffo che....quindi direi divertente!

Nicolina Papetti:

Oltre ogni limite!

Guido Nicheli:

Din Don!...è una cosa in codice perché per din don si intende che è una campana...non studiava mai!

Annabella Schiavone:

Eh...quella era una grande attrice! Brava!

Isaac George:

Un aggettivo? Sporco Negro!...lo chiamavamo sempre così....perché la prima volta me lo presentarono così!..Poi io lo conoscevo da prima...siamo amici da prima dela 3 C, dal teatro! E poi Isaac...le trombava tutte!! Lui al Drive In ha fatto un macello!!

Riccardo Rossi:

Maniacale!...In tutte le sue cose!

Fabio Camilli:

Fabio è un amico di infanzia!!!

Il pubblico italiano viene spesso accusato dagli attori per essere così tanto attaccato ad un solo personaggio che l’attore interpreta....Chicco Lazzaretti...

Ed è tutto falso!!

E' pesante essere legato così tanto ad un personaggio?

E' pesante sì! Perché comunque in Italia è difficile scrollarsi di dosso le etichette. Perché se ti fai la reputazione di attore, tra virgolette, cazzaro, ti chiamano sempre per fare l'attore cazzaro! Che poi può essere anche divertente...però se uno fa l'attore significa che desidera anche cambiare ruoli! Ecco io sono stato ad esempio contento di fare in "Sei Forte Maestro" un pezzo strappacuore perché non l'avevo mai fatto in cinema e avevo voglia di dimostrare che lo so fare! Certo è più noioso fare delle scene tristi...però da' anche soddisfazioni...

Specie con attori con cui non leghi parecchio...dai raccontaci un aneddoto su "Sei Forte Maestro"!!

C'era la bambina che faceva mia figlia nel telefilm e io le sono andato vicino. Le faccio: "Oggi c'è una scena lunga...vuoi fare una prova di memoria?" "No!" "Vuoi che ti dia le battute?" "Me l'hanno già date!"...pensa te! Una bambina di 13 anni!...

Si sapeva gestire già così?

Quando giravano i primi piani suoi piangeva...quando giravano i miei mi rideva in faccia! Come quegli attori veri proprio!!!...

Ovviamente Fabio Ferrari non è solo Chicco Lazzaretti. Successivamente a “I Ragazzi della 3 C”, ti abbiamo visto nell’89/’90 nel ruolo del Capitano Baldani nel telefilm “College”...

Guarda a proposito di "College", questa è una cosa che in Italia ti fa pensare a come funzioni il sistema: io ho fatto tre serie di successo giusto? In cui interpretavo un ruolo vincente, un personaggio simpatico, di enorme successo. Passano due anni e vado a fare un ruolo marginale, un po' antipatico, in un'altra serie. Una cosa del genere in America non succederà mai! Uno mi può dire: "Perché l'hai fatta?" Beh, devo farla, devo campà! Quindi devo fare quello che mi offrono! Senza falsa modestia: se io, Fabio Ferrari, alto come sono, in quella serie avessi interpretato il ruolo di Marco Poggi, quella serie sarebbe andata molto meglio! Ma non perché sia più bravo di lui...perché sono più simpatico e perché avevo allora molto successo! Perchè poi ci devi mettere un inglese figone del quale alla gente di Keith Van Hoven non fregava niente?...Io sono convinto che se io fossi stato Marco Poggi quel serial sarebbe andato come la 3 C! Per cui ci siamo trovati a fare io Baldani e Fabrizio Carletto. Avevamo già firmato il contratto con quel produttore che già produceva "College" e che si è dovuto totalmente inventare i nostri ruoli appositamente per noi! Ma tu non butti via così due attori che hanno portato al successo tre serie e di cui 15 anni dopo stiamo ancora qui a parlarne! Non mi è piaciuto lavorare per "College"! Anche se poi mi sono divertito molto con Roberto Della Casa, che è un attore bravissimo e simpaticissimo...siamo stati bene insieme. Poi la storia era un po' buttata lì! Dove sta questa accademia, chi sono questi, che fanno?....ma ha avuto anche il suo successo...

Il ruolo di Baldani ti divertiva?

Il ruolo mi divertiva, ma non aveva...a parte che non ho un buon ricordo di quel periodo per tanti motivi personali...non c'entrava niente che io in quel momento facessi quel ruolo lì! Perché venivo già da tre serie da protagonista!

Il bello dei Ragazzi della 3 C comunque era che anche se voi tre eravate i protagonisti, non eravate solo voi protagonisti assoluti, ma lasciavate anche molto spazio agli altri!

Erano tutti perfetti! I ruoli erano tutti perfetti!

I tuoi esordi sono a Teatro no? Ricrodiamo  “L’Allegra Brigata”...

Sì!...eravamo tra la goliardia e il Teatro!

Anche i titoli ce la dicono lunga! “Giulio Cesare è…ma non lo dite a Shakespeare”, “Supercalifragilispichespiralidhorror” per la regia di Massimo Cinque...

Sì, ho iniziato con loro e mi sono divertito come un matto!

I contatti per entrare nell'Allegra Brigata come li hai avuti?

Da Fabio Camilli. Facevo l'Università e non avrei mai pensato a fare l'attore.

A cosa ti sei iscritto?

"Storia della Musica".

Ti sei laureato?

No.

E ancora ricordiamo la commedia musicale “Il Giorno della tartaruga” di Garinei e Giovannini. Attualmente preferisci il teatro o la televisione?

Quello dopo la 3 C. Già ero un attore popolare e devo dire che la 3 C mi ha portato poi tanto lavoro.

Ti sei trovato bene lì?

Molto bene. Ho faticato come un pazzo perché era uno spettacolo difficile a due attori. Stare in scena per due ore di fila non è semplice. Cantavo, ballavo e poi stavo vicino ad una che era un mostro di bravura...quindi mi sono dovuto fare un mazzo tanto!! Però ne ho un bellissimo ricordo anche perché coincide con un bellissimo ricordo della vita mia personale. Ma poi si può dire perché non ho nessun problema a dirlo: Io ho avuto problemi di droga pesante e pesanti e devo dire che ho un bellissimo ricordo perché "Il giorno della tartaruga" è stato un premio per me al mio lavoro per uscire fuori dalla droga. Sono stato un anno e mezzo a combattere per uscire fuori da questa cosa e ho lavorato duro per riuscirci. Io ero, diciamo, pulito da sei mesi quando mi è arrivata questa proposta e io l'ho considerata un po' un premio. E' stato proprio un dire: "Sei stato bravo, adesso c'è il premio...e chiudi proprio..." Infatti ho chiuso del tutto il capitolo.

Molte persone non hanno questa fortuna. Che consiglio puoi dare loro?

Di non incominciare.

E se hanno già incominciato?

Di uscirne al più presto possibile.

Tornando al cinema: hai esordito con "Vacanze In America" col ruolo del Pappola. Tutti ti ricordano che, insieme a Giacomo Rosselli, Fabio Camilli e Jerry Calà. Cosa ricordi di quel film?

Sì, Giacomo l'ho conosciuto lì! E alla fine di "Vacanze In America", Carlo Vanzina ci parlò di questo progetto per la 3 C! Ci disse solo che ci avrebbe chiamato per questa cosa.

Fabio Ferrari beve

Fu la prima volta che ti recasti in America? 

Si.

Come vivesti quel periodo?

Magicamente. "Com'è l'America Don Buro?" Ti dirò: "Vasta!" Partimmo da Roma e andammo diretti a Los Angeles. Ricordo poi che la seconda sera che eravamo lì siamo usciti io e Fabio Camilli. Dopo un chilometro abbiamo incontrato Christian De Sica, che ci ha presentato Vincent Price, non so se sapete chi è!  E ci ha presentato come suoi colleghi....perciò io e Fabio eravamo al settimo cielo. E devo dire che siamo stati benissimo. La nostra prima uscita per Los Angeles io e Fabio siamo andati in giro per dei locali. Alle due di notte ci siamo ritrovati su una Mustang rossa decappottabile!...e gridavamo: "America!!!" E La cosa forte è che dicevamo: "Ce pagano!...Ce pagano pure per venire qui!..." Questa era la parola d'ordine dell'America: "Ce pagano!" Poi non è che ci pagassero chissà quanto però era proprio l'idea di essere pagati per essere lì! Era proprio un sogno!

Ma al cinema hai anche interpretato “L’Attenzione”, “Il Nodo Alla Cravatta” e “A Me Mi Piace”, quest’ultimo diretto da Enrico Montesano. Com'è lui?

No comment!..sorvoliamo!

Beh poi hai fatto anche “Dio C’è” con Riccardo Rossi e Chiara Noschese. 

Sì, ho fatto una partecipazione amichevole. Mi ha divertito molto vedere Riccardo che urlava come un pazzo nel film! Tra l'altro lì ho conosciuto anche Maurizio Santilli che ho poi rincontrato in "Sei Forte Maestro"...dove faceva il bidello...un bravissimo attore napoletano!

Tra l'altro era presente anche l'attrice che poi lavora oggi in "Un Posto Al Sole" e che ha lavorato con te in "Sei Forte Maestro"...hai partecipato tra l'altro a una puntata di "Un posto al sole" se non sbaglio...

Sei o sette puntate sì! Io in quella produzione facevo uno schifo d'uomo....io faccio tutte schifezze di uomini!...adoro farlo!

Beh Chicco non lo era!

Ti dirò: io nella vita non sono come Chicco però sono uno simpatico. Chi mi conosce dice: "Fabio è uno simpatico!" Quindi facevo bene o male uno che era vicino a me, invece fare una merda mi piace di più come attore perché è una cosa lontana da me. E quindi devi trovare quali sono i meccanismi psicologici di uno stronzo, che tu non hai e allora in "Un Posto Al Sole", dove ho fatto davvero uno schifo, perché facevo una fetenzia d'uomo...ricattavo il portiere...è una cosa veramente squallida...ecco lì mi sono divertito moltissimo! Stavo lì a vedere che tutta la famiglia era schierata contro di me e io facevo: "Ma che bella famiglia unita!..che bel quadretto!" Proprio da merda, da schifo! 

Qual è il ruolo che ricordi con più affetto?

Achtung Vendetta.

Il film anche quindi...

No quello era teatro!

Quanto a film o produzione televisiva?

E' dura perché...no...non saprei: Chicco dai!

A tuo parere qual è il migliore regista con cui hai lavorato?

Claudio Carafoli.

Il migliore attore?

Luca Zingaretti.

Ci tracci una tua Top Ten di film che consigli ai nostri appassionati?

Fabio Ferrari - Chicco Lazzaretti 3a C

1) Jule e Jim

2) Via Col Vento

3) Barry Lindoln 

4) Brazil

5) Providence

6) Apocalypse Now

7) Un Americano A Roma

8) La grande guerra

9) La Stangata

10) Europa

11) Il Laureato che credo sia stato il film che mi ha fatto dire: "Voglio diventare un attore!"

12) La Vita è meravigliosa

13) L'uomo che uccise Liberty Valance

(per questi ultimi due Fabio mi ha richiamato via cellulare, dicendomi che parlando con la moglie si era mangiato le mani per esserseli dimenticati nella Top 10!)

E' stato difficile iniziare a recitare?..entrare nel giro?

Io ho cominciato per caso. Fabio Camilli era nell'Allegra Brigata e dovevano sostituire un attore che andava via. Io stavo facendo l?università e avevo deciso di abbandonare. Stavo andando a portare dei dati miei per fare il corso di pilota di aereo.

Oggi per poco avremmo avuto Fabio come pilota d'aereo!!

E avrei fatto tanto meglio!! Comunque Fabio mi chiese di provare. Sono andato e ho iniziato così!

Hai un consiglio da dare a chi vuole intraprendere questa carriera?

Non scoraggiarsi e imparare perché è un lavoro che si impara a poco a poco. Se sei negato non imparerai mai. Ma se hai delle qualità per tirarle fuori ci vuole tempo...oppure ci vuole un grande regista. Insomma la prima cosa è non scoraggiarsi. Se rivedo le prime cose che ho fatto mi sembra di essere un cane, terribile! E ho imparato: ora recito.

Hai dei rimpianti nella tua carriera?

No.

C'è qualcosa che avresti voluto fare e che ancora non hai fatto?

Una cosa che qualsiasi attore sano di mente vorrebbe fare: "Amleto"! Beh io penso che se uno fa questo mestiere e l'ha visto almeno una volta in film o inscenato a Teatro, non possa non venire voglia di farlo! Io so che non lo farò mai!

Per quale motivo?

Perché ho 42 anni, perché sono alto un metro e dieci centimetri, perché sono bruno e perché non ho nulla del Principe di Danimarca. Poi in effetti: mai dire mai! Però sicuramente un Riccardo III lo faccio!

A cosa stai lavorando al momento e dove possiamo vederti al lavoro?

Al momento sto facendo "La Squadra".

A Teatro invece?

A Teatro in questo momento non faccio nulla e devo dire che la mia attività teatrale con la nascita mia figlia si è molto ridotta perché non voglio fare tournèe. E questo quindi è molto riduttivo per il Teatro!

Tra cinema, teatro e tv quale mondo preferisci?

Il cinema perché non lo conosco direi. nel senso che il Teatro è quello che ho fatto di più! Televisione pure ne ho fatta tanta. Di cinema veramente pochissimo. Vedere il tuo faccione quattro metri per tre è molto bello. Inoltre permette di recitare nel modo che mi è più congeniale. Io credo di essere più bravo come attore di cinema, perché penso di essere un attore che cerca di recitare con gli occhi. E gli occhi si vedono al cinema. A Teatro si vedono poco e allora siccome sono più per una recitazione di dentro, piuttosto che per quella di fuori, il cinema è quello che mi piace di più. Però non l'ho mai fatto...o quasi!

Ho letto che i tuoi hobby sono il nuoto, sci e equitazione. Inoltre sai suonare il piano.

Diciamo che il piano è il primo!

In genere che musica ascolti? 

Prevalentemente classica.

Il tuo autore preferito?

E' difficile però diciamo Beethoven! Beethoven è un autore che ti accompagna per tutta la vita, mentre ci sono quei periodi in cui senti di più qualcosa...vai in fissa con qualcosa...però Beethoven ti accompagna sempre!

Chiudiamo l’intervista con una domanda “marzulliana” : “Si faccia una domanda e si dia una risposta”. 

"Ma perché non faccio il cinema?" "A Fa', sei alto un cazzo e mezzo!!" Mi faccio la domanda e mi do' la risposta? "Ma so' pure tanto bravo però!!"

Ancora una tua tipica espressione dalla 3 C?

"Non c'è problema!" Perché mi ricordo che era una cosa che dicevo abbastanza spesso...e poi dicevo a Bruno Sacchi: "Bruno aspetta e mi ringrazierai!"

Ti ringraziamo per averci concesso questa intervista e ti aspettiamo a braccia aperte nel nostro fan club quando verrai a farci visita.

E' stato un piacere...

Fabio Ferrari saluta tutti i membri del Fan Club!

Un saluto al Fan Club?

Fan Club! Mi raccomando ragazzi sto nelle mani vostre eh?...Continuate a seguirmi sempre!

Autografo Fabio Ferrari

 

Video
Galleria
Interviste
Contribute!
Books!
Shop!